Posto

I cibi e artigianato del nord del Marocco

Tangeri e Tetouan potrebbero essere scambiate per musei: ovunque si guardi, c'è una gran quantità di tesori storici e di monumenti che attestano i fasti di un tempo. E tuttavia, non sono minimamente pietrificate o impantanate nella nostalgia di un'epoca passata. Entrambe le città sono attive e piene di vita. I souk sono chiassosi e i colpi di martello degli artigiani echeggiano tra i vicoli.

A Tangeri ci sono due mercati famosi: il Grand Socco e il Petit Socco. Le strade della medina sono animate dal trambusto dei commercianti. Uno stand di prodotti vende limoni, olive e fichi: una vetrina di tutti i colori sotto il sole. Altrove, un conciatore batte i pellami e lucida il cuoio mentre una commessa sistema guarnizioni e nappe decorative. Raggiungete a piedi il Petit Socco per una pausa veloce sulla terrazza di uno dei suoi caffè amati da artisti famosi.

A Tetouan, gli artigiani nella medina creano delle belle zellige, i capolavori di smalto per cui la città è così famosa. Altri artigiani preferiscono il legno alla ceramica: non perdetevi i loro bellissimi pannelli di legno verniciato. Fuori città, un entroterra fertile rifornisce la scena culinaria locale con, ad esempio, centinaia di ulivi e fichi. Questa è anche la zona in cui le donne preparano lo jben, una sorta di fromage blanc avvolto in foglie di palma, che poi porteranno in città. Cercatelo nei souk e provate per credere!

Terre fertili, souk vivaci e artigianato autentico ma originale sono solo alcune delle bellezze di Tangeri e Tetouan!