Geografia del Marocco

Marocco, crocevia di paesaggi naturali.

Al crocevia tra Europa e Africa, confinante con le acque del Mediterraneo e aperto sulla vastità dell'Atlantico, il Marocco è un crocevia di paesaggi naturali.

È la "terra del tramonto lontano", una meta ricca di contrasti, con una storia che risale a duemila anni fa, stimolando la curiosità e la scoperta. In queste terre dove si sono succedute diverse dinastie, scoprirete le vestigia delle più grandi civiltà mediterranee. Nel nord del paese si trovano le rovine romane di Volubilis.

A Rabat, pezzi di architettura testimoniano l'antica presenza francese. Ovunque altro, diversi tesori che ripercorrono le civiltà musulmane sono offerti alla vostra curiosità: la Kasbah degli Oudayas, le distese verdi dei giardini della Menara...

I paesaggi non sono da meno. Tra mare e montagne, sabbie desertiche e verdi pianure, magnifici panorami mozzafiato sono esposti per soddisfare la vostra sete di tranquillità e bellezza naturale; incantevoli immagini vivide con la ricchezza di una cultura rissosa vi trasportano nella natura più cruda.

Atlante del Marocco


Atlante centrale 3356 m

Il Medio Atlante, piuttosto turistico, offre una varietà di paesaggi. Ricco di fauna e flora, presenta un quadro colorato di laghi, boschi di lecci, querce da sughero e altipiani vulcanici...

Estendendosi per 350 chilometri, i monti del Medio Atlante coprono diverse regioni del Marocco: Ifrane, Khenifra, Sefrou, Boulmane, Midelt, Hajeb, Taza e Beni-mellal. Inoltre, questi massicci appartengono a quattro bacini idrici: il bacino del Sebou, il bacino del Bouregreg, il bacino dell'Oum Errabiaa e il bacino del Moulouya.

I primi tre confluiscono nell'Atlantico e l'ultimo nel Mediterraneo.

haut atlas
Alto Atlante 4167 m

L'Alto Atlante, comunemente noto come "tetto del Marocco", ospita la vetta più alta del Nord Africa (Djbel Toubkal con 4.167 metri di altezza).

Estesi per oltre 750 chilometri, i massicci dell'Alto Atlante separano tre parti del Marocco: il Marocco atlantico, il Marocco mediterraneo e il Marocco sahariano. Con il suo carattere amazigh e berbero, i suoi abitanti praticano l'allevamento e l'agricoltura, che rappresentano anche i principali pilastri economici dell'Alto Atlante.

Oltre che per la sua attrattiva turistica, l'Alto Atlante è conosciuto a livello internazionale non solo per il suo parco nazionale per la conservazione della biodiversità naturale, ma anche per i suoi siti archeologici.


Anti Atlante 3304 m

El Anti-Atlas, que es una cadena caracterizada por su excesiva aridez, alberga cumbres muy modestas con el Jbel Siroua (3 300 m) como el pico más alto.

Al igual que Alto Atlante y el Medio Atlas, todos sus macizos disfrutan de una cierta diversidad en cuanto a fauna y flora, geología y cultura con encanto bereber.

Su carácter árido se debe a su proximidad a las tierras saharianas ya que su última muralla está justo antes de la "Hamada du Draâ". Antes desconocido, el cruce de las montañas del Anti-Atlas representa hoy un circuito moderno, rico en paisajes y actividades de ocio.

 

 

Alto Atlante
Alto Atlante

L'Alto Atlante, comunemente noto come "tetto del Marocco", ospita la vetta più alta del Nord Africa (Djbel Toubkal con 4.167 metri di altezza).

Estesi per oltre 750 chilometri, i massicci dell'Alto Atlante separano tre parti del Marocco: il Marocco atlantico, il Marocco mediterraneo e il Marocco sahariano.

Con il suo carattere amazigh e berbero, i suoi abitanti praticano l'allevamento e l'agricoltura, che rappresentano anche i principali pilastri economici dell'Alto Atlante.

Oltre che per la sua attrattiva turistica, l'Alto Atlante è conosciuto a livello internazionale non solo per il suo parco nazionale per la conservazione della biodiversità naturale, ma anche per i suoi siti archeologici.

Atlante centrale
Atlante centrale

Il Medio Atlante, piuttosto turistico, offre una varietà di paesaggi. Ricco di fauna e flora, presenta un quadro colorato di laghi, boschi di lecci, querce da sughero e altipiani vulcanici...

Estendendosi per 350 chilometri, i monti del Medio Atlante coprono diverse regioni del Marocco: Ifrane, Khenifra, Sefrou, Boulmane, Midelt, Hajeb, Taza e Beni-mellal.

Inoltre, questi massicci appartengono a quattro bacini idrici: il bacino del Sebou, il bacino del Bouregreg, il bacino dell'Oum Errabiaa e il bacino del Moulouya. I primi tre confluiscono nell'Atlantico e l'ultimo nel Mediterraneo.

Anti Atlante
Anti Atlante

L'Anti-Atlante, è una catena che si caratterizza per la sua eccessiva aridità, ospita cime molto modeste con come cima più alta il Jbel Siroua (3 300 m).

Come l'Alto Atlante e il Medio Atlante, tutti i suoi massicci godono di una certa diversità in termini di fauna e flora, geologia e cultura con fascino berbero.

Il suo carattere arido è dovuto alla sua vicinanza alle terre sahariane, poiché il suo ultimo bastione si trova poco prima della "Hamada du Draâ".

In precedenza sconosciuto, l'attraversamento delle montagne dell'Anti-Atlante rappresenta oggi un circuito moderno, ricco di paesaggi e di attività per il tempo libero.

L'Oceano Atlantico
L'Oceano Atlantico

L'Oceano Atlantico si estende per oltre 1.300 km a ovest del regno, offrendo uno spazio vitale a diverse città della sua costa.

A sud della costa atlantica si trovano Agadir, Tiznit, Dakhla e altre città che, per il loro vantaggio geografico, sono ricche di cultura, storia e attività ricreative.

Un po' più a nord, troviamo le città di Essaouira, El Jadida, Casablanca e Rabat, famose quanto quelle del sud.

Una costa atlantica, che di conseguenza collega il Sahara al Marocco nord-occidentale, unisce diverse culture: tradizionale e moderna; e offre un rifugio per gli appassionati di sport acquatici di tutto il mondo.

Il Mar Mediterraneo
Il Mar Mediterraneo

Il Mar Mediterraneo si estende a sua volta per oltre 500 chilometri dal nord-est al nord-ovest del Marocco.

Conosciuta per le sue calme acque azzurre e azzurre e per le sue sabbie dorate e fini, ogni estate attira molti visitatori marocchini e stranieri.

Da Tangeri all'estremo oriente del Marocco, un'aria spezzata del Mediterraneo mescolata alla cultura arabo-andalusa viene offerta ai suoi viaggiatori, percorrendo chilometri per soggiornare nelle più belle coste del mondo, per scoprire i tesori nascosti delle spiagge selvagge e per godersi il sole sulla sabbia ghiaiosa.

 

 

 

 

Dakhla
Dakhla

Vera e propria oasi di pace, Dakhla è un rifugio per chiunque voglia concedersi la bellezza delle dune di sabbia che si aprono sull'Oceano Atlantico.

Soleggiato tutto l'anno, non c'è niente di meglio che nuotare in inverno o in autunno sotto un sole di 25 gradi o godersi le attività ricreative dei suoi club di fama internazionale.

A Dakhla, due spiagge sono particolarmente famose, quella di PK25 e quella di Foum El Bouir. Qui potrete nuotare, divertirvi, rilassarvi e godervi tutte le attività degli sport sulla neve.

Il deserto di Merzouga
Il deserto di Merzouga

Per una notte sotto le stelle o in un bivacco, per lunghe escursioni sulle dune di sabbia e per un'esperienza unica in mezzo al deserto marocchino, il deserto di Merzouga vi riempirà della sua austera bellezza.

Merzouga è una delle porte che si aprono alla vastità sahariana, con il suo colore bruno ocra, sotto un sole dai raggi radianti.

All'alba o al tramonto, potrete godere di uno scenario senza eguali. Nel bivacco, potrete godere di tutte le feste popolari e assaporare tutta la cultura sahariana.

Sul dorso di un cammello, potrete godere di tutti i paesaggi selvaggi.